mercoledì 7 novembre 2007

Il muro del pianto: Museo del tartufo a Borgofranco sul Po'

Ho deciso di aprire una nuova sezione dei post chiamandola "muro del pianto", sono quelle iniziative che per diverse ragioni trovo personalmente discutibili.

Da alcuni tempi in Italia si parla molto di Tartufo, sembra che non vi sia località dove non si trovino tartufi (!) ed ecco arrivare il Museo del Tartufo in provincia di Mantova nato grazie ad un finanziamento di 851.000 euro di cui 613.000 dall'Unione Europea (di cui il 60% a fondo perso) e 238.000 dalla provincia di Mantova . Un area espositiva di 300mq di un parco di 5.000 metri quadrati e un parcheggio di 2.800 metri quadrati. Il museo fa parte di un progetto che vuole valorizzare il tartufo locale.

Tutto questo sarebbe un iniziativa di indubbio interesse se si fosse realizzata a Alba o ad Acqualagna . Ritengo che non sia sufficiente avere un prodotto per istituire un progetto, deve rappresentare un eccellenza gastronomica. Lo stesso numero di licenze per la raccolta circa centinaio, rapportate alla sola provincia di Pavia che sono 1.800, non sono un indice positivo, non voglio nemmeno paragonarle a quelle di Alba . Non saranno un po troppi 2.800 mq di parcheggio per 300mq d' esposizione?

4 commenti:

  1. i tartufi in provincia di mantova? ma da quando?

    RispondiElimina
  2. tutte le cose che prevedono fondi ue sanno di puzza, lontano un miglio, per me i tartufi non ce li hanno mai avuti

    RispondiElimina
  3. ha ragione beppe grillo, non sappiamo gestire i fondi ue

    RispondiElimina
  4. l'hanno fatta un po fuori come si dice!

    RispondiElimina