martedì 4 gennaio 2011

Philadelphia con Milka al cioccolato alpino svizzero, il formaggio fresco diventa uno snack dolce

Buona anno 2011 iniziamo questo nuovo anno con una novità, che si chiama Philadelphia Milka, per meglio dire uno dei prodotti sui quali c’è una grande attesa, non so ancora quando verrà lanciato in Svizzera e in Italia, mi hanno riferito in primavera, ma Philadelphia Milka è il prodotto di cui si parla di più tra gli addetti ai lavori.

È da qualche mese Philadelphia Milka in fase di lancio in Germania e in Inghilterra, nasce dalla joint-venture tra la Philadelphia e la Milka, è più corretto dire che è un progetto comune di due aziende della stessa multinazionale la Kraft foods .

Dopo Philadelphia Balance, Philadelphia Light, Philadelphia Yo, Philadelphia Duo in versione cremosa, sembra sia arrivato l'ora del Philadelphia Milka dolce e goloso al cioccolato. L'azienda vuole aprire un nuovo segmento di mercato, mentre ci sono aziende che si aprono ai snack salati, Philadelfia di apre ai snack dolci.,( un ingresso negli alimenti multi sensoriali?)

I Philadelphia ai sapori non sono nuovi, alcuni anni fa' sono stati lanciati i Philadelphia alle olive, al salmone, alle erbe in Inghilterra ci sono i Philadelphia al peperoncino, Philadelphia all'erba cipollina, Philadelphia al cipollotto e pepe nero in Austria i Philadelphia ai Peperoni Paprika e al Ravanello con erbe.

Cioccolato e formaggio abbinamento non facile

I precedenti non depongono a favore del nuovo prodotto, per esempio i Philadelphia salati non hanno avuto un grande gradimento da parte dei consumatori, in più il binomio formaggio cioccolato non riscontra favori da parte dei consumatori per esempio sia lo yogurt al cioccolato, ma anche la ricotta al cioccolato hanno solo incuriosito, tranne il budino, il binomio tra derivati del latte e cioccolato, non hanno mai avuto un grande successo.

La comunicazione di Philadelphia Milka si sta muovendo in Nord Europa sui stessi binari della crema speculoos, cioè si pongono in alternativa nella prima colazione della Nutella di Ferrero. L’intenzione è abbastanza evidente erodere quote di mercato alla Nutella offrendo un prodotto alternativo, per la prima colazione, ma perché devo mangiare la Nutella o la Philadelphia Milka solo nella prima colazione?

Confronto tra le tabelle nutrizionali di Phialdelphia Milka, Nutella, Speculoos

I punti forti di Philadelphia Milka, saranno rispetto alle creme al cioccolato, il numero ridotto in assoluto di calorie, meno del 40%, le percentuali inferiori di zuccheri e di grassi, anche se a onere del vero i grassi saturi, le differenze sono minime e i tre prodotti Nutella, Philadelphia Milka e Crema Speculoos si quasi equivalgono. L'intento è di raccogliere il target attento alla salute senza rinunciare al gusto, un target fatto più da adulti che da bambini, attenzione le vie di mezzo non sempre premiano.

In negativo Philadelphia Milka è un prodotto che deve essere tenuto in frigorifero quindi di difficile praticità. Le cose che mi hanno colpito di più è la spalmabilità, non come la nutella, ma per essere un formaggio da frigo si spalma bene e la consistenza è cremosa, la caramellabilità, ha un sapore che ricorda un po' il caramello e il cioccolato, ricorda ma molto timidamente le crostatine al caramello e cioccolato della Grand Epiceries di Paris.

A vederlo sembra mascarpone a cui si aggiunge del cacao in polvere, abbinare il formaggio, se cosi si può dire, e cioccolato o sei J.P.Hevin, un maestro cioccolataio, che ha abbinato il cioccolato al sapore del roquefort o secondo me è meglio lasciare perdere, è un difficile equilibrio di sapori.

L’ho pagato 1,29 da Rewe in Germania in offerta lancio. La comunicazione recita "Il piacere del gusto fresco al cioccolato" crema di formaggio (45%) con cioccolato al latte alpino (22%).

Ingredienti : formaggio fresco, zucchero, prodotti proteici del latte, burro di cacao, latte scremato in polvere, pasta di cacao, polvere di cacao magro, polvere di siero di latte, materia grassa butirrica (in teoria dovrebbe essere burro ma ho qualche dubbio), addensanti (farina di semi di carrube, carragenina, carbossimetilcellulosa di sodio), sale, soia, emulsionante lecitina, aroma vanillina, acido citrico, sorbato di potassio conservante.
PHILADELPHIA Milka è disponibile in confezione 175 g e il Family Pack di 265 g confezione. Più o meno 7 euro al kg, è un offerta di lancio verisimilmente arriverà sui 1,99 euro allineandosi al prezzo dei Philadelphia light di 8,75 al kg piuttosto dei Philadelphia duo di 15,00 al kg.

Nutella invece la confezione di 200g a 1,75 cioè 8,75 al kg mentre la confezione da 400g a 5,75 al kg.

Il mio giudizio: Philadelphia Milka al cioccolato non è la nutella, risponde più a un desiderio di piacere di gola, non è un formaggio al cioccolato, non ha neanche il sapore del formaggio, è più una crema dessert, in genere non credo che il cioccolato freddo esprima il massimo dei suoi profumi e aromi io sento più lo zucchero, anzi ha più un sapore caramelloso che cioccolatoso, tra gli ingredienti quella materia grassa butirrica mi fa pensare a un burro poco convenzionale visto anche la grande spalmabilità del prodotto, so che quelli che mi vogliono capire sanno a quale tipo di grasso mi riferisco (In Italia si è trasformato in "grasso del latte" mah?).

Avrà successo? Come novità sicuramente sì, potrebbe fare da traino a tutti gli altri Philadelphia salati come quelli al tonno e al prosciutto. Sul lungo termine non lo so, dipenderà dalla comunicazione e dal prezzo, ci sono in giro molte creme al cioccolato di grande qualità a un prezzo concorrenziale come una Guido Gobino, Do Mori, la Nocciolata Rigoni di Asiago, un pubblico maturo non è disponibile a rinunciare al gusto per le calorie, rinucia teorica alle calorie perchè nella pratica il prodotto invita a consumarne una quantità maggiore, il prezzo non è certo favorevole per il consumatore, perchè trova a un prezzo inferiore molte alternative.

Dal punto di vista della comunicazione nutrizionale metterlo nella prima colazione è un leit motiv debole, già troppo esplorato dai concorrenti, uno spazio che sta diventando troppo affollato, facciamo già una prima colazione piuttosto dolce, non credo che aiuti a seguire schemi alimentari corretti, nemmeno per i bambini.

Infatti nei blog tedeschi, che hanno già sperimentato il prodotto, sostengono che acquisti un sapore migliore invece che sopra il pane sopra i crakers, sopra i biscotti, sopra le crepes, sopra le brioches, alla fine rischia di essere un alimento che veicola più alimenti ricchi di zuccheri e di grassi e si trasforma in un moltiplicatore di calorie, vanificando così quel vantaggio di calorie inferiore alle creme spalmabili al cioccolato o alle creme da prima colazione.

Io trovo che il sapore del cioccolato appena mattina sia così gradevole, personalmente il cioccolato lo prediligo dopo mezzogiorno e ve lo dice un amante del cioccolato ma di quello buono però.

Informazioni per i miei lettori allergici
: non è un alimento indicato a coloro che sono allergici alla soia, al latte e alle nocciole. Non è adatto per i vegani ma può essere consumato dai vegetariani, non è adatto per coloro che seguono un alimentazione per il controllo del colesterolo e del peso, non contiene esaltatori di sapori e coloranti. Il prodotto non contiene sesamo, arachidi, senape, lievito, sedano, grano, glutine (almeno quello distribuito in Germania).


Perchè in Italia Philadelphia Milka si presenta con un tabella nutrizionale e ingredienti leggermente diversi e il prezzo alto? (aggiornamento Maggio 2011)

Arrivato anche in Italia il costo è di 2,09 la confezione da 150 gr al kg  + di 13,93 euro (ne pas donè! Più che in Germania  La nutella costa molto meno dai 5,55 ai 9,40 al kg quella da 200g)

Ingredienti: Latte pastorizzato, zucchero, cioccolato al latte, concentrato di proteine del latte, crema di latte, cacao magro in polvere 2% contiene umulsionante lecitina di soia, addensante farina di carrube, carragenina, carbossimetilcellulosa, sale aroma, acidificante acido citrico

anche la tabella nutrizionale è leggermente diversa

La tabella nutrizionale può essere migliorabile con maggiori indicazioni, ho qualche perplessità sugli ingredienti. Ha più grassi saturi rispetti alla nutella. Quello che non mi piace della confezione è quell'esposizione sul fronte al prodotto che dice che 30g del prodotto danno 91 kcal che sono il 5 % della Rda, primo perchè come quantità non è reale perchè facilmente si è portati a consumarne di più, se è un consiglio sulla quantità limitata diciamo che poteva essere dato in modo diverso, non è questa la modalità più facilemente comprensibile dal mio punto di vista.

Ho visto persone consumarne più della quantità indicata dei 30 g, che è chiaramente ripresa dalla comunicazione di Nutella di Ferrero  per la prima colazione , ma è deviante secondo me, 5 % della RDA si ma 30g, dare questa indicazione perchè non consente di paragonare il prodotto, sui 100 g che ricordiamo sono 305 kcal, bisogna sempre ricordare che si tratta di una crema dessert di cui non bisogna abusare, sopratutto non è adatta a chi è a dieta ipocalorica. In persone sensibili alla golosità incapaci di controllarsi si rischia che consumino il prodotto in un intera giornata o un intera volta.

Dal punto di vista della comunicazione, dello spot mette in primo piano il pane spalmato con la crema al cioccolato identico a quello della nutella di qualche anno fa' solo che la differenza di prezzo è notevole Philadelphia Milka è più caro, non è solo più caro rispetto alla Nutella ma anche rispetto allo stesso prodotto distribuito in Germania :

Philadelphia Milka venduto in Germania, 1,39 per 175g
Philadelphia Milka, venduto in Italia 2,09 per 150 g

+ 80% quasi il doppio, trovo questa differenza assurda senza alcuna ragione.

In qualsiasi caso il prodotto rimane il migliore concorrente di Nutella fino a quasto momento.

In questo link del video dello spot in Germania più o meno uguale a quello in Italia Philadelphia Milka Horizont.net

Due video amatoriali sulla Philadelphia Milka, il primo dimostra l'attività fisica e l'energia da spendere prima e dopo. Il secondo è una recensione personale di una fan in tedesco, su entrambi i Video, Philadelphia Milka avrebbe fatto meglio a imitargli perchè lo spot in Tv ufficiale è banale e senza creatività invece questi due sono molto simpatici e molto comunicativi più dello spot che invece afferma solo il posizionamento di marketing sul mercato vicino a Nutella di Ferrero.






Lo spot milka



Post correlati:

Alimenti multi sensoriali, fanno mangiare troppo e creano dipendenza?
Qual'è il segreto della Nutella
Nutella e le creme al cioccolato nella prima colazione
Crema spalmabile Speculoos, il trend delle creme dolci e salate
Ferrero Noir, una nuova nutella?
Voglia improvvisa di dolce sono per le donne?
Nuovi trend del cioccolato, il cioccolato che si inala

40 commenti:

  1. In genere le novità attirano sempre la mia curiosità ma sarà che ho già poca simpatia per la Nutella, preferendo di gran lunga la classica tavoletta, sarà che immaginare il gusto leggermente salato del Philadelphia abbinato al cioccolato non è che mi solletichi troppo le papille, non credo che cederei alla tentazione di questo formaggio cioccolatoso. Ennesima trovata commerciale che anch’io come te penso lascerà il tempo che trova!
    Alla fine, con la scusa che il prodotto è “light” se me mangia il doppio, il guadagno non c’è e la soddisfazione è dubbia. Proprio per stare attenti a linea e calorie, meglio un solo quadratino di cioccolato di qualità. Almeno per me...
    Buonissima giornata e ancora auguri di buon anno

    RispondiElimina
  2. Pure io sono scettica. Milka e Philadelphia insieme, già solo nella fantasia, sono due cose distinte che si mangiano per ragioni diverse e anche in momenti diversi della giornata.
    Grazie per la segnalazione.

    RispondiElimina
  3. ma tutte tu le trovi anche ad inizio anno ???
    ^_^
    stavolta un pò mi hai incuriosito con questo prodotto.
    che non sia light lo vedo dall'immagine stessa,la confezione a me grida
    " ehi tu,io sono una un prodotto buono ma grasso :) "

    la curiosità è tanta,dopo la tua descrizione...
    il fatto è che spesso facciamo cheesecake con la sola philadelphia e poi ,dopo,aggiungiamo della crema al cacao o nutella.
    trovarlo bello e pronto potrebbe attirare parecchio secondo me...
    forse come dici tu,non lo trovo adatto per la colazione.ma come base per preparare dolci del dopo pranzo/cena di certo si.
    bàh,che ti dico?forse per una volta stà porcata la comprerò per provarla..
    o è colpa dei marchi che mi stò facendo convincere?!?!?!?!?
    ho ancora qualche mese per rifletterci su ^_^

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo con Luby, penso che più che per spalmarlo sul pane e mangiare a colazione troverà il suo utilizzo nelle preparazioni dolci tipo cheesecake. Anche se in questo caso io preferirei sempre aggiungere il cioccolato fondente di ottima qualità. Però, immagino che questa sarà una fetta magra del mercato.

    RispondiElimina
  5. forse nell'Europa del nord apprezzano di più il dolce insieme al salato, a me non dispiace ma non è ancora una mia abitudine. E' bello leggere le ultime novità e le tue analisi.
    Grazie e buon anno!!!
    Francesca

    RispondiElimina
  6. Sono del partito...cioccolato si ma solo fondente e mai sotto il 55%. Il cioccolato lo devo sentire quando si spezza sotto le dita ed aromatizza l'aria, quando si scioglie lentamente in bocca o quando è usato in creme o preparazioni casalinghe che lo alterino il meno possibile. Questo non vuol dire che disdegno le creme spalmabili tipo Nutella, assolutamente no, pur non preferendole se confrontate con quanto elencavo prima. Insomma tutto ciò che è una via di mezzo lo vedo sempre con sospetto, mi sembra quasi un modo per svilire qualcosa di buono :))
    Mi auguro tra l'altro che non venga adottato dalle mamme come "scusa" per far mangiare formaggio ai figli che non gradiscono molto i prodotti caseari...questo si che sarebbe ancora più avvilente :PP
    Detto ciò, ti ringrazio per averci condiviso una novità "golosa" e la sua analisi equilibrata come sempre.
    PS
    Anche io sono del gruppo...cioccolato si ma dopo mezzogiorno ;)

    RispondiElimina
  7. Roberta Mangano04 gennaio 2011 12:58

    Non è giusto prima fammelo provare poi parlane male, anzi appena esce lo compero e vengo quà a parlarne bene.
    Però il cioccolato milka non lo compro perchè non mi piace tanto, il philadelfia sarà mica un formaggio quello lì,
    beh non sono cosi tanto sicura che lo acquisterò, ci devo pensare ....ti faccio sapere... ma pensandoci bene non è che mi attira più di tanto magari giusto per il cheese cake.....vedrò, ciao e auguri di buon anno 2011

    RispondiElimina
  8. io non uso il foladelfia manco per il cheesecake, perché non mi piace... il milka non lo considero cioccolato... sì insomma... diciamo che già come primo impatto non c'è male, eh? eheheh....
    eppure ti dirò che la ricotta col cioccolato non è male, per un dolcino improvvisato... però col cacao, in efftti,che già è differente...
    concordo assai sulle considerazioni tue sulla temperatura di consumazione... troppa differenza, e il cioccolato freddo....non se po' guardare! ahahah
    è sempre un piacere leggerti!

    RispondiElimina
  9. gunther le tue anteprime sono sempre curiosissime e piacevoli da leggere! ecco a me... quest'idea del philadelphia e cioccolato mi fa un po' senso ma poi magari è buono, solo che è una di quelle cose che dovrebbero farti assaggiare e poi solo dopo dirti di cosa si tratta perchè l'idea... mi fa un po' rabbrividire ad esser sincera

    RispondiElimina
  10. Il philadelphia lo uso nel cheesecake, ma se devo farlo al cioccolato preferisco aggiungercelo io...mah, da queste mie parti già so che avrebbe molto successo, visto l'amore degli arabi per gli intrugli!

    RispondiElimina
  11. mi sembra un ibrido poco interessante! invece lo yomo al cioccolato che hai citato nel tuo articolo è un prodotto che mi piace molto. Grazie per la notizia!

    RispondiElimina
  12. sono molto perplessa anch'io per quanto riguarda la massa butirrica. una lista di ingrendienti così e io già rimetto nello scaffale.
    un'altra cosa che non mi convince è l'idea dell'uso per la colazione. i nordici veri fanno la colazione salata (pane e formaggio, per intenderci) e quello che va ancora per la maggiore nelle famiglie, anche per gli adulti, è la pappa: cereali integrali cotti nel latte, di solito grano (il famoso Brinta) oppure i fiocchi di avena (havermout).
    una roba così non la vedo proprio. sarà l'ennesima one day fly... ;)

    RispondiElimina
  13. Ma lo sai che l'ho visto giusto un mesetto fà in Germania ed ho pensato:bleah!!! Che schifo... stà zozzeria arriverà in italia di sicuro...:))))
    Io adesso poi sono nella fase colazione= porridge!!!:))))

    RispondiElimina
  14. hello gunther
    thanks for your message today on my blog Wish you the best for 2011 !!
    and for your information Kraft has decided to implement Phildaelphia cheese in France (this is not popular yet here !!)

    Ciao
    pierre

    RispondiElimina
  15. ovvio la curiosità di assaggiarla é tanta e credo che se mai la vedro' esposta anche qui (difficile in francia questo prodotto) la compro.
    cmq la mia colazione non é affatto nutellosa o cremosa cosi' come quella dei miei figli!
    Buon anno Gunther! :-)

    RispondiElimina
  16. Come dicono altri commenti prima del mio, può essere interessante come ingrediente per altre preparazioni.
    Sinceramente non riesco a trovare un momento della giornata in cui mi piacerebbe mangiarlo...a colazione? no di sicuro! dopo pranzo? Meglio un bel caffè! A merenda?...non faccio merenda, al massimo un tè con due biscottini, Dopo cena?...eh no! qui è d'obbligo il quadratino di cioccolato! :DDDDDD

    Comunque, tutte queste anteprime di prodotti strani sono interessanti!
    Grazie ;)

    RispondiElimina
  17. Per il cheese cake uso mascarpone e ricotta, sono fuori moda? Non costa poco il Philadelphia, il massimo secondo me è la ricotta piemontese, ma perchè costa cosi tanto?
    Auguri di buon anno 2011

    RispondiElimina
  18. Io consiglio il formaggio italiano alpina crema spalmabile , di trova all'esselunga è come philadelfia e costa il 50% meno!

    RispondiElimina
  19. Non sono una persona curiosa che acquista la prima novità sul mercato se prima non ne ha sentito parlare da chi l'ha consumata... per cui penso proprio che me la perderò... Se poi penso che ho scoperto come fare la nutella a casa in pochissimo tempo, penso che non comprerò più nè l'una nè l'altra!
    Buon anno e grazie per le tue informazioni sempre preziose!

    RispondiElimina
  20. Ciao Gunther, buon 2011 anche a te!Penso che questo prodotto non finirà nel mio carrello della spesa, perchè a prescindere dal costo e dagli ingredienti ,anche io non amo il dolce misto al salato , o mangio l'uno o mangio l'altro . Anche se preferisco la tavoletta alla nutella, questa rimane mitica!Se poi avessi qualche dubbio ,tu informi con molta chiarezza e professionalità!

    RispondiElimina
  21. Grazie Gunther per l'informazione, solo tu riesci a scovare questi prodotti così interessanti, poi ogniuno ci mette sopra i suoi gusti...

    Io così a prima vista direi...Bheah!eh eh eh eh

    RispondiElimina
  22. Per il momento, non avendolo provato, mi perplime ... nel senso che mi lascia un po' perplessa e un po' mi deprime :-)
    Anche se mi dici che è privo di frumento, dubito che conquisterà spazio nella mia colazione...
    Ciao! Antonella

    RispondiElimina
  23. intanto grazie per il lavoro di ricerca e analisi che fai sempre. io che sto alle grandi marche come un leone alla gabbia...non lo proverò. ma son contenta che mi hai fatto tornare alla mente quanto è buona la ricotta cremosa con il fondente fuso.

    RispondiElimina
  24. Wow ma grazie!! Ma che golosità è!!!!

    RispondiElimina
  25. a parte il philadelphia classico e la nutella, non ho mai provato altro. per gli altri sono scettica e non mi attirano affatto.
    ah, io invece sono del gruppo... a tutte l'ore...

    RispondiElimina
  26. Gunther il tuo blog è una fonte inesauribile di notizie e informazioni nel campo culinario.
    Se ti posso dire cosa ho pensato io di primo impatto: "oh mamma, questa la devo assaggiare" già mi pregustavo cioccolato cremoso e spalmabile come il philadelphia...
    non invece philadelphia al quale è stato aggiunto cacao...
    Se è così credo proprio che resterò fedele alla nutella.. e delle calorie sinceramente neppure mi importa tanto visto che la mangerò si e no una volta ogni due mesi.. meglio mangiare meno ma buona, così ci guadagno in calorie (meglio mangiare 1 volta un prodotto calorico che 1000 volte uno meno calorico!) ed in gusto.
    Grazie come sempre Ghunter!

    RispondiElimina
  27. Ciao Gunther!
    Tanti auguri di un anno nuovo:)) Questo ho già visto sul Facebook, cioè ho visto questo nuovo prodotto. Certo che per una curiosità femminile se la vedo la compro ma credo che sarà solo una volta, un provino e basta. A dire vero, preferisco la Philadelphia e il cioccolato mangiati separati. Grazie mille per questo bel articolo:)

    RispondiElimina
  28. Sarei curiosa di assaggiarlo, ma poi in realtà la penso come te, non credo che mi piacerebbe molto. In effetti il mascarpone col cacao non mi è mai piaciuto.....Ma una confezione per provarlo mi sa che ci scappa, sai com'è la curiosità è dura da controllare. Ciao e a presto

    RispondiElimina
  29. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  31. I due ultimi post sono stati tolti, primo perchè in forma anonima secondo perchè i due post hanno utilizzato la stessa lirica della scrittura che l'agenzia di comunicazione della kraft adopera su facebook. Pertanto mi rivolgo all'agenzia di comunicazione della Kraft che se lo desidera può esprimere la sua opinione senza farla in modo anonimo e sopratutto enfatico e per rispondere

    @sara o come altro ti chiami, ma come fai a sapere che è equilibrato da un punto di vista nutrizionale spiegamelo...

    @anonima carissima io non metto indubbio che possa anche piacere, ma come hai fatto a provarlo se non è in vendita

    RispondiElimina
  32. :D da provare.... pare sia arrivata anche in Italia ora...
    Ciao, Piacere!
    ELena

    RispondiElimina
  33. Già nel mio frigo...a breve una ricetta con questo fantastico prodotto!!! eli

    RispondiElimina
  34. Ciao è la prima volta che visito questo sito.
    Cercavo altre recensioni su questo prodotto che ho provato questo fine settimana.
    (ne ho parlato anche nel mio blog http://crocedelizia.wordpress.com/2011/06/27/suggerimenti-per-gli-acquisti-piladelphia-al-cioccolato-milka-yhum/).
    In verità io l'ho trovato un ottimo prodotto, certo, come ho scritto, non è la nutella, ma mi ha soddisfatto molto più delle creme spalmabili Magnum o Novi (con risparmio anche di calorie).
    L'ho trovato ottimo con le fette biscottate e probabilmente se capiterà lo acquisterò di nuovo.
    Cmq io partivo con 10 punti a favore avendo già provato in passato una crema simile, home made, con il cioccolato bianco.
    Cmq blog molto interessante, a presto.
    Cle

    RispondiElimina
  35. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  36. Carissima Sheila o come altro ti chiami, qui si accettano commenti anche di parere diverso dal mio ma devono essere argomentati e non in forma anonima, tutti mettiamo il viso e il notro nome e cognome.

    Il tuo commento utilizza la stessa lirica dell'ufficio stampa dell'azienda per questo è stato rimosso.

    Io non credo alle coincidenze e conosco la scrittura e le modalità degli uffici stampa e delle pr avendo fatto questo lavoro per molti anni.

    Se ufficio stampa desidera inserire un proprio commento lo può fare ma con il proprio nome

    Se solo avessi letto il post ti saresti accorta o accorto dell' inutilità delle tue affermazioni.

    Si è messo in rilievo aspetti positivi e aspetti negativi tra cui il prezzo di 13.93 al chilo, 2,09 la confezione da 150 g,  che non è un elemento di marketing di poco conto.

    Inutile farti gli esempi di quante cose costano meno di 13.93 euro al kg, per fare l'esempio che tu dici del dolce che tu dici, prova solo a pensare a quanto costa il mascarpone  (6,30 al Kg) e il cioccolato ( 7,63 al kg) rispetto a questo prodotto, che sarà casuale ma 6,30 + 7,63 fa proprio 13,93 il 100% in più

    RispondiElimina
  37. Bellissimo post, come al solito molto esauriente. Sposto un poco l'obiettivo: guardando gli ingredienti e leggendoli sotto la lente delle attuali conoscenze scientifiche (sono fresca di conferenza della Dr.ssa Villarini) leggo una sfilza di veleni (latte, zucchero, crema di latte, etc). Già frequento poco i supermercati figuriamoci se infilo nel carrello un prodotto simile. Se voglio proprio avvelenarmi me la faccio in casa con cioccolato fondente e mascarpone. Ciao Jas

    RispondiElimina
  38. Da golosa, questa mi ispira ma purtroppo non è gluten free. Però si fa benissimo con lo yogurt greco e la crema al cioccolato fatte in casa!

    RispondiElimina
  39. Premetto che io sono tra i pochi che da bambina andavano matti per lo yogurt al cioccolato (mentre il cioccolato da solo non mi fa impazzire) ma a me è piaciuto motlo.

    Due cose non mi sono piaciute, il prezzo e il fatto che il sapore di filadelfia è un po' debole. Lo avrei preferito più salato, tipo cheesecake :)

    RispondiElimina
  40. E' arrivato in Italia già da un pò, ma ancora non l'ho preso. Eppure in casa con la bella stagione siamo grandi consumatori di formaggi tipo philadelphia.ù
    Ha un prezzo davvero alto nei supermercati che frequento io e se proprio devo dirla tutta, in caso abbia voglia di sperimentare gusti tipo formaggio+cioccolato, mi piaciono di più gli esperimenti casalinghi, di gran lunga più soddisfacenti. Ma la mia è solo la voce di una grande pasticciona in cucina. :)
    Concordo con te su creme come la Nocciolata di Rigoni...se proprio devo spendere dei soldi, preferisco impiegarli per qualcosa di questo tipo. :)

    RispondiElimina

Commenti anonimi se non firmati verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link verso siti discutibili saranno rimossi