martedì 19 agosto 2014

Effetti secondari di un farmaco per la cura del Morbo di Parkinson nelle cronache d'Agosto

Il post tratta un argomento un po' delicato, il piacere fisico, il mondo sembra diviso in due da una parte ci sono quelli che lo cercano disperatamente vanno dal sessuologo, si sottopongono a operazioni chirurgiche, acquistano a go go i farmaci per le disfunzioni erettili, ritrovi naturali per la potenza sessuale, creme e gel per aumentare la sensibilità delle zone erogene, tra breve sarà messo in commercio un farmaco per stimolare l'orgasmo femminile.

Dall'altra quelli che ne hanno troppo e ne vorrebbero meno, l'esempio di una signora americana che sentiva l'esigenza d' orgasmi ripetuti durante il giorno, si è scoperto che era una vera e propria patologia, sindrome da eccitazione genitale persistente che viene trattata dal dottor Marcel Waldinger, neuropsichiatra a Haga Hospital di Leyenburg (Paesi Bassi).

Negli Stati Uniti ci sono vere e proprie cliniche per disintossicarsi dal sesso in quelle persone che cercano sempre il piacere fisico 24 ore su 24.

Io ho sempre pensato che fossero casi inventati per la cronaca e che fossero utilizzati solo per vendere più copie di giornali.


In questi giorni l'effetto indesiderato di un noto farmaco per la cura del morbo di Parkinson è balzato alla cronache della stampa, è successo in Turchia  dove i neurologi dell'Università di Necmettin Erbakan Konya (Turchia), hanno riportato che una donna di 42 anni, di religione islamica, si è recata in ospedale lamentando orgasmi spontanei della durata da 5 a 20 secondi, dalle tre alle sei/sette volte al giorno.

Il morbo di Parkinson è una malattia neurodegenerativa che prende di mira una particolare zona del cervello, che produce neuroni che rilasciano dopamina. Quando questi neuroni cominciano a non funzionare correttamente, vi è un deficit di questo neurotrasmettitore che causa la progressiva perdita di controllo delle funzioni motorie.

Il trattamento consigliato è quello di cercare di mantenere un adeguato livello di dopamina attraverso farmaci che agiscono sul sistema nervoso centrale. Proprio l'effetto secondario di uno di questi farmaci ha dato origine a questi orgasmi ripetuti, una volta interrotto il trattamento, la donna ha smesso di avere questo disturbo.

Non è un effetto secondario di poco conto, specie in un paese islamico, dove ci sono dei forti pregiudizi sulle donne e la sessualità, una donna che ha orgasmi ripetuti diverse volte al giorno magari in pubblico, al mercato, dal parrucchiere, sull'autobus, non aiuta certo.

Resta il fatto che avere un orgasmo in pubblico, in un paese occidentale o in un paese orientale non è una cosa molto bella, anche se si tratta dell'effetto secondario di un farmaco, sia se sei un uomo o una donna che si presuppone si abbia anche una certa età.


Si è cosi scoperto che non era il primo caso altri casi sono avvenuti in America e Canada, si racconta che un uomo di 78 anni, senza nemmeno il membro eretto aveva eiaculazioni ripetute, un fatto molto imbarazzante, in Florida la moglie di un uomo si era rivolta al medico perchè il marito, dopo avere preso il farmaco ha sviluppato una forte ipersessualità, mentre in Oregon una signora ottantenne ha chiesto il divorzio dal marito per le troppe continue richieste di rapporti.

Si è inoltre scoperto che alcuni assistiti per vergogna o per altro non lo sappiamo, non ne hanno parlato con il proprio medico. Quello che è noto che l' eccesso di dopamina possa essere con molta probabilità la causa di questo disturbo, ma non si è in grado di conoscere che cosa stimola cosi tanto l'appetito sessuale, è stato così avviato un nuovo studio che sono certo non mancherà di trovare un numero adeguato di volontari. 



L'aspetto se vogliamo più divertente è che la scena del film Harry ti presento Sally, è uno di quei casi in cui la fantasia e la creatività cinematografica è stata superata dalla realtà.

In semplice analisi se a voi in famiglia o un vostro caro è stato diagnosticato il Morbo di Parkinson e vedete dei comportamenti anomali, rivolgetevi senza vergogna al medico potrebbe essere un semplicemente l'effetto indesiderato di un farmaco.

Per tutti gli altri la vita è fatta di tante cose belle piacevoli, non bisogna mai dare importanza ad una cosa sola e farne il perno della vita, ci sono i piaceri della tavola, il piacere di aiutare il prossimo, il piacere di coltivare la propria interiorità, il piacere di ricevere degli amici in casa, il piacere di una bella passeggiata, il piacere di portare avanti un progetto di vita in due,  il piacere di una bella tazza di tè con dei pasticcini e quattro chiacchiere parlando del più e del meno.

martedì 12 agosto 2014

Xamaleon e Xaman : il gelato che cambia colore e il gelato afrodisiaco

Fare il gelato non è più un attività imprenditoriale solo italiana o d'emigranti italiani sempre di più nascono imprese di gelateria in tutto il mondo dagli Stati Uniti all’Argentina, anche nella vicina Spagna accanto a gelaterie industriali come Jijonenca, o Farggi si moltiplicano le gelaterie artigianali, come IceXperience di Manuel Linares.

La  Spagna della nuova cucina ci ha regalato lo chef Ferran Adrià ( meno male che il suo ristorante ha chiuso) ora sembra avere trovato un nuovo innovatore però nel settore dei gelati, è Manuel Linares, 37 anni, nato a Calella de Mar (Barcelona), ingegnere elettronico e insegnante di gelateria, che nel tentativo di imitare CharlieFrancis, quello del ghiaccio fluorescente, ha creato Xamaleon il gelato che cambia colore e Xaman il gelato afrodisiaco.

Manuel senza cattiveria ma il gelato che cambia colore è un idea simpatica, ma avrebbe avuto più senso se il gelato cambiava gusto, un gelato tutti frutti che quando lo lecchi grazie alla temperatura cambia colore da viola diventa rosso, aveva senso se dopo una leccata si passava al rosso fragola, ma solo per cambiare colore, è un innovazione simpatica ma nulla di più.

© IceXperience
Manuel senza cattiveria, ma il gelato fatto con erbe medicinali del Sud America e dell'Africa, dalle virtù afrodisiache? Sarà, mi auguro solo che sia in una confezione per due da consumare a casa tra le mura domestiche e non in gelateria, se come si dice potrebbe avere lo stesso effetto del viagra, mi aspetto a breve un film di Pedro Almodovar sul tema.

Importante il luogo di consumo, per dire al parco potrebbe essere... come dire.. non pericoloso ma inappropriato, sembra una banalità ma nell’ultimo anno la cronaca è piena di coppie che vengono sorprese in un momento d’intimità in luoghi pubblici, da quella famosa sul ponte di Venezia a quella alla stazione ferroviaria di Zurigo, alle domande della Polizia rispondono “sa abbiamo preso il Viagra”, d'ora in poi sentiremo dire "sa abbiamo preso il Gelato!"

In Spagna tra i ragazzi si dirà il gelato che " chupa y cxxxx" in italiano non lo posso scrivere, immaginatelo!

Comunque la gelateria di Manuel Linares, Icexperience, fa molto di più come il gelato al dattero, gelato al dulche de leche di Sant' Ignazio, gelato al platano nero delle Canarie.

Idee simpatiche anche molto divertenti che si prestano a battute e sottointesi, dire che qualcosa è afrodisiaco funziona sempre. Nella realtà d’oggi quello che emerge è che non basta più fare un buon gelato, dalla lavorazione e dalla qualità degli ingredienti, si è passati alla ricerca di “valori straordinari”.

IceXperience Helados de autor, Calle Raval 11, Blanes/Girona 17300, se qualcuno capita in zona ci  racconta com' è?