domenica 25 marzo 2012

Capitan Findus, cercasi bastoncini di pesce con omega 3 disperatamente

Domanda Anna G.: Gunther, ho comprato i bastoncini di pesce al merluzzo di Capitan Findus com Omega 3, c'era scritto 200 mg di Omega3 sono uguali a 80% della raccomandazione giornaliera, tu invece avevi sempre scritto che gli omega3 consigliati erano per gli adulti 1-1,5 g/die, chi ha ragione? Perché volevi farci prendere cosi tanti omega 3?

Risposta: spero che qualcuno un giorno se mi capita qualcosa mi porti delle arance (senza tirarmele). Carissima Anna G, probabile che tu non abbia letto bene cosa diceva la pubblicità o l'etichetta oppure che tu non l'abbia capita. Sono cose che capitano quando c'è una comunicazione che si presta a diverse interpretazioni.

Le raccomandazioni di Omega 3 come creare confusione con poco 
Io ho indicato i riferimenti Larn per la popolazione italiana che puoi trovare anche sul sito della SINU la Società Italiana di Nutrizione, attualmente la società è al lavoro per la revisione dei Larn. Questi indicano i fabbisogni di acidi grassi essenziali omega 3 in generale senza fare la differenza tra Ala, Epa e Dha.

Il male intendimento nasce dal fatto che l'etichetta Findus riporta solo gli Epa e Dha della famiglia degli Omega 3 cioè solo:
l'acido eicosapentaenoico (EPA)
l'acido docosaesaenoico (DHA)
Non tutti gli Stati hanno dato delle indicazioni sul tipo di omega 3, questi riferimenti sono diversi da paese a paese ad esempio i paesi Nordici indicano 500mg di Epa + Dha.
Inoltre Findus non ha riportato i valori Larn ma i valori di RDI cioè Reference Daily Intake che si usa molto in America, Canada e Australia, non a tutti magari è nota questa sigla.

Sulla confezione si fa riferimento a un documento dell'Efsa del 2009 che potete trovare qui in versione .pdf

"The Panel concludes that:
• The proposed labelling reference value for the n-3 PUFA ALA (2 g) is consistent with recommended intakes for individuals in the general population in European countries based on considerations of cardiovascular health.
• The Panel proposes 250 mg/d as the labelling reference intake value for the longchain n-3 PUFAs EPA plus DHA, which is in agreement with most recent evidence on the relationship between the intake of these fatty acids and cardiovascular health in healthy populations."

L'indicazione di questo documento sono 2g di Ala e 250 mg Epa + Dha . Quindi dal momento che  in 100 g di bastoncini Findus ci sono 200 mg di Epa+Dha rappresenta l'80%.
Quindi nessuno ti vuole prendere in giro sono dei riferimenti diversi, che però possono generare confusione se non ben argomentati.

Se poi siamo cattivi e andiamo a vedere cosa raccomanda OMS per Omega 3:

Ala : da 0,8 g a 1,1 g/die
Epa + Dha : da 0,3 g a 0,5 g/die



Ma perché cosi tanti omega 3?
È possibile che siano stati aggiunti, dal momento che tra gli ingredienti notiamo che i filetti di merluzzo rappresentano solo il 60%, notiamo anche l'olio di pesce che si sa ricco di omega 3, che in etichetta scrivono prezioso olio di pesce, magari in non dico dall'olio di fegato di merluzzo magari da altri pesci, non viene specificato in etichetta non lo possiamo sapere.

Il mio consiglio è quello di porre attenzione all'introduzione degli omega 3 ma senza perdere la testa, ricordandoti che è molto importante anche l'introduzione di omega 3 vegetali (Ala) che puoi trovare nelle noci, nei semi di lino, nella chia. Per il pesce per esempio mentre ero al supermercato mi è caduto davanti i filetto di Merluzzo Pescanova surgelati i quali contengono pensa 400 mg di omega 3 senza impanatura.


Valutare le alternative per un alimentazione varia
Io non voglio dirti che non devi acquistare i bastoncini di pesce ricchi di omega 3 ma ti invito a variare l'alimentazione e la scelta del pesce ampliando la gamma delle varietà ma anche dei sapori, per esempio invece che trovarlo in Capitan Findus bastoncini di merluzzo con Omega 3 puoi  anche trovare

500mg di Epa + Dha in
20 g. sgombri
25 g salmone d'allevamento dell'Atlantico
30 g di aringa
30 g salmone in scatola
50 g di sardine
50 g di trota iridea
100 g di gamberetti

Fonte dati tabella : Wang C, Chung M, Lichtenstein A, Balk E, et al. Effects of Omega-3 Fatty Acids on Cardiovascular Disease. AHRQ Publication No. 04-E009-2. Rockville, March 2004

NB: non prendete questi valori come assoluti ma come valori relativi in quanto il contenuto di omega 3 dipende dalla stagionalità, dalla grandezza del pesce, dall'età del pesce, se è allevato o selvaggio, dalle tecniche di preparazione e di conservazione.

Post correlati: Pubblicità suonate i bastoncini di pesce al salmone con omega3, Omega-3 e Obesità,  Rapporto omega3/omega6, Dove troviamo gli omega 3? , Olii vegetali e olii magri

34 commenti:

  1. Buongiorno caro.....bello questo post....sempre molto utile alle nostre spese quotidiane....sei veramente bravo egrazie a te ho aperto gli occhi su parecchi prodotti......grazie per il commento e buona vita!!!!

    RispondiElimina
  2. Altro post da incorniciare...grazie! :)

    RispondiElimina
  3. Uhmmmmm....sarà deformazione bloggerista (ho appena coniato un nuovo termine!!)ma ..non compro mai i bastoncini di pesce già impanati!!!E' molto più salutare a mio parere comperare del merluzzo e impanarlo (e cavoli, ci vogliono 2 minuti!!!)Ad ogni modo il tuo post è non interessante, DI PUU!!!!Grazie!!!Buon sabato!

    RispondiElimina
  4. Wow, sgombri a go-go!Sono anche meno costosi.Grazie Gunther!

    RispondiElimina
  5. Sempre interessante,visto poi che alle mie bimbe non riesco a far mangiare nessun tipo di pesce,a parte i bastoncini...
    PS io 2 arance te le porto..avessi mai bisogno..

    RispondiElimina
  6. adoro gli sgombri a da adesso ancor di più grazie alle tue preziose informazioni! buon we Gunther...

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Il pesce azzurro mi piace molto, da noi si fanno in graticola le saraghine con un po' di pangrattato aglio e prezzemolo. Mangiate ancora bollenti si sciolgono in bocca..;)
    Ciao :)

    RispondiElimina
  9. I bastincini panati li mangiavo "una tantum" da piccola. Poi mamma smise di comprarli perchè ogni volta pareva ci fosse sempre meno pesce e più panatura intorno. E' una vita che non li compro più. In compenso ho il freezer pieno di foletti di merluzzo Pescanova :) Un bacio, buona domenica

    RispondiElimina
  10. li evito come posso,se proprio devo,prendo pesce fresco...
    a me stò findus piace poco....

    RispondiElimina
  11. Interessantissimi come sempre i tuoi post.
    A proposito del seme di lino mi sai dare qualche ricetta ,io l'ho usato per fare il pane ,ma non riesco a trovare altri modi per mangiarlo.
    Buon week end.

    RispondiElimina
  12. Ci vuole un attimo a farsi i bastoncini di pesce a casa, si guadagna in salute e sapore! Sarà che poi se io leggo "oli vegetali" non meglio specificati non compro nulla... Interessante post! :)

    RispondiElimina
  13. Hai ragione Gunther, la comunicazione è spesso manipolata appositamente per prestarsi a diverse interpretazioni e mettere d'accordo un pò tutti senza offendere nessuno.
    Anche a me era saltata all'occhio la pubblicità dei bastoncini e te la segnalai in un mio commento in quanto secondo me "arricchire" il pesce di Omega3 è solo una trovata di marketing..

    :-)

    RispondiElimina
  14. Grazie, un altro post da salvare!!!!

    RispondiElimina
  15. Arance....penso verremmo in tanti!
    Francesca

    RispondiElimina
  16. Isabella Corsini26 marzo 2012 08:38

    a me fa specie questa poveretta che pensa di risolvere con i bastoncini di pesce.
    Ma la mamma le manine per impanare non te le ha fatte?

    RispondiElimina
  17. @gral77, grazie buona settimana

    @Greta, grazie buona settimana

    @yrma, brava vale la pena spendere 2 minuti

    @lilly, si sono una eccellente alternativa

    @sarapatch, perdonata :-)) buona settimana

    @Chiara Giglio, grazie buona settimana io gli faccio alla griglia i sgombri

    @Mari-angela, si non è niente male come idea

    @Federica, si diciamo che non abbonda...., buona settimana

    @luby, meglio fresco assolutamente si

    RispondiElimina
  18. @melania
    grazie del lancio dell'idea, ci vorrebbe un post sui semi di lino, si prestano molto nelle preparazioni di pane e grissini. io gli metto nell'insalata tostati, li metto anche sui pomodori al forno sopra mistati con i semi di sesamo.
    Un amia amica li mette sulle verdure gratinate al forno sempre la stessa gli sminuzza con il mixer e gli mette nelle torta salate.

    @mau fai benissimo e sono daccordo con te

    @the masterofcook, mi sono ricordato che li avevi segnalati nella pubblicità, garzie del commento buona settimana :-)

    @speedy, grazie buona settimana

    @francesca, che tesoro che sei, pèortami quelle buone delle tue origini gli agrumi del vesuvio sono unici in dolcezza

    @isabella, sai isabella non volendo altro pesce almeno quello, sai non tutti hanno voglia di stare in cucina, buona settimana

    @

    RispondiElimina
  19. Sempre ottimi e utili info ci dai Gunter, grazie mille! Buon giornata!

    RispondiElimina
  20. sempre post super interessanti bravo per farci sapere tutto

    RispondiElimina
  21. Senza nemmeno aver letto il post avevo già in mente di portarti delle ottime arance...poi l'ho letto ed ho pensato che è meglio che ne vada a comprare qualche altro Kg...non si sa mai con le misure preventive rischi di non uscire per parecchio tempo! :P ahahahahahaha
    PS
    Seriamente...hai tutto il mio supporto, nonchè stima per il lavoro di informazione che fai!
    Sei davvero da tutelare e non scherzo...

    RispondiElimina
  22. Buono a sapersi, non pensavo che gli sgombri avessero un contenuto alto in queste sostanze. Sono buonissimi e sicuramente meglio dei bastoncini findus! a presto

    RispondiElimina
  23. Bene già non mi piacevano i bastoncini ora ancora meno. Comunque non ci vuole molto a farseli , e sono molto più buoni e sani! Oltretutto che possiamo mettere il pesce che ci va:-) molto interessante il tuo post!

    RispondiElimina
  24. I bastoncini Findus non mi ispirano. In Inghilterra sembra sia il pane quotidiano per i bambini, l'unico pesce che sono in grado di mangiare. Tutta roba industriale! Viva il pesce fresco!
    Interessante il tuo post. Molto informativo!

    RispondiElimina
  25. In linea di massima puoi mangiare di tutto. Dal punto di vista della salubrità è sempre consigliabile comprare cibo fresco e prepararlo un minimo a casa. In fondo come scrive Mau e Yrma... ci vogliono 2 minuti ad impanare del merluzzo. E sei sicuro di ciò che stai mangiando, ti pare poco?
    Ciao Gunther a presto.

    RispondiElimina
  26. Ciao Günther, molto interessante la tua spiegazione sugli Omega3. Ti confesso che guardando la pubblicità (e ti confesso che non sono per niente amica dei prodotti lavorati, freschi o surgelati che siano, pronti per la cottura) mi sono domandata.... ma avranno in qualche modo aggiunto gli omega3... e se sì in che modo, oppure ci prendono per il naso sottovalutando che la grande maggioranza della persone sanno che il pesce, soprattutto quello azzurro, ne contiene? Mi è piaciuto molto il tuo post. Aggiungo una piccola info di carattere medico: la mia gastroenterologa nella dieta mi ha limitato moltissimo il consumo di pesce azzurro, mi ha consigliato di assumere omega3 vegetale, perchè a chi soffre di una patologia intestinale, (che non sto a definire che non è il caso...) il pesce azzurro irrita. In effetti ho potuto sperimentare sulla mia pelle, anzi è il caso di dire pancia, che è davvero così.
    In ogni caso mangio altro pesce: il merluzzo (appunto), ecc. da limitare anche i crostacei e molluschi per il motivo di cui sopra.
    Ti auguro buona giornata!

    RispondiElimina
  27. Non li compro, quindi sono serena!!!
    Non amo troppo i preparati surgelati!!!!
    Me li faccio da sola e come dice Ombretta, uso il pesce e la panatura che desidero!!
    Gunther, non preoccuparti per le arance!!! Tutti disponibili!! ^_^
    Un bacio e a presto!!!

    RispondiElimina
  28. I tuoi post sono sempre molto interessanti!Saluti da Grecia,caro!

    RispondiElimina
  29. A leggere questo post mi viene da pensare che per un consumatore "normale" è praticamente impossibile capirci qualcosa in tutte queste etichette...tra Larn,Epa, dha, RDI sembra di fare le parole crociate.
    Fortuna che ci sei tu, così almeno riusciamo ad imparare qualcosa e a raccapezzarci tra le mille sigle :D

    RispondiElimina
  30. Ciao Gunther, complimenti per la spiegazione. I bastoncini li compro poco, francamente solo perchè sono sempre di corsa nel preparare il pranzo...non ci avevo mai pensato di prenderli perchè sani o ricchi di omega 3. Un saluto e buona settimana!

    RispondiElimina
  31. io giuro che le arance te le porto!!!! Oppure un buon gelato agli omega 3 che mi è stato offerto nel weekend e che ho rifiutato perchè mi faceva impressione.
    Io che sono vegetariana integro consumando semi di lino!
    :)

    RispondiElimina
  32. Ovviamente non c'è che da stamparselo in mente...ciao

    RispondiElimina
  33. Ti ho scoperto da poco (è già mi arrogo il diritto del Tu piuttosto che del Lei... be', che personcina a modo sono!) in quanto lontana dai blog per oltre un biennio.
    Bando alle ciance, ho già letto quasi tutto con ingordigia mista a gratitudine.
    A proposito di questo post, ho fatto caso solo di recente, durante una di quelle mie tristi spedizioni al supermercato per "la cena del single", che il merluzzo dei bastoncini è di provenienza africana, mi pare, e invece quello del filetto che prendo di solito io (a quasi 5 euri la confezione da 400 gr., mi pare) viene interamente dall'alaska.
    posto che il catrame ed il petrolio si trovano in entrambi i mari, per me, confesso che questa notizia sulla provenienza per me ha significato la differenza, ed è da lì che non ho avuto più amore di prendere i bastoncini (dei quali sono sempre stata ghiotta).
    puoi delucidarmi in merito? sono stata mal suggestionata (non vorrei entrare nei dettagli di cosa mi ha spinto ad evitare un pesce presumibilmente proveniente da un mare che accoglie tristemente i suoi figli in fuga) ??
    grazie se avrai tempo e modo di replicare, anche via mail (che fornirò nel caso). un saluto.

    RispondiElimina
  34. la provenienze del pesce non è solo importante per inquinamneto del mare ma perchè sono diverse le varietà di merluzzo, alcuni non avvertono le differenze ma ci sono anche delle differenze gustative, personalmente preferisco quello dei mari del nord come anche quello dell'alaska, purtroppo non indicano in etichetta quando è pesce d'allevamento o pesce selvaggio, si dovrebbe indicare in etichetta non solo il genere merluzzo ma quale tipo di merluzzo

    Genere Gadus
    il Merluzzo bianco o comune (Gadus morhua), che è la specie a cui ci si riferisce abitualmente come "merluzzo" tout court
    il Merluzzo del Pacifico (Gadus macrocephalus),

    il Merluzzo della Groenlandia (Gadus ogac);

    Genere Merluccius
    il Nasello (Merluccius merluccius),
    il Nasello del Pacifico (Merluccius productus);
    il Merluzzo atlantico (Merluccius hubbsi)

    Genere Pseudophycis
    il Merluzzo Bianco di Nuova Zelanda (Pseudophycis bachus);

    Genere Trisopterus
    il Merluzzo francese o Merluzzetto bruno (Trisopterus luscus),

    il Merluzzo cappellano o Merluzzetto (Trisopterus minutus);

    Genere Pollachius
    il Merluzzo giallo (Pollachius pollachius),

    il Merluzzo carbonaro o Merluzzo nero (Pollachius virens);

    Genere Theragra
    il Merluzzo dell'Alaska (Theragra chalcogramma);

    Genere Aulopus
    il Merluzzo imperiale (Aulopus filamentosus).

    Le tue sensazioni possono essere corrette

    RispondiElimina

Commenti anonimi se non firmati verranno rimossi.
Commenti con pubblicità e link verso siti discutibili saranno rimossi